La masterclass fornirà strumenti cognitivi e operativi per la realizzazione della piena capacità espressiva corporea, strumentale e vocale, nella convinzione che i limiti musicali, spesso auto imposti e nel tempo cristallizzati, siano solo barriere per la conoscenza di noi stessi e degli altri.

La didattica reticolare riesce a coniugare diverse esigenze lavorando su tre aree musicali: tecnico-cognitiva, imitativa e creativa-improvvisativa senza dare priorità o esclusività ad alcuna, ottenendo così il miglioramento di tutte le abilità necessarie ad un musicista, dal senso del ritmo alla lettura ritmica e melodica, dalla percezione musicale e più in generale all’ascolto “cosciente” alla creatività, dalla tecnica strumentale all'improvvisazione idiomatica e non. 

Interagire con le tre aree significa, di fatto, scoprire nuove possibilità comunicative e allo stesso tempo esercitarsi a ricercare “il bello” ovunque e con ogni mezzo.

Il corso vedrà trattati i seguenti argomenti:

· La didattica reticolare, fondamenti epistemologici e pratiche operative.

· Tecniche di improvvisazione procedurale e non, idiomatiche e non.

· L’uso dell’improvvisazione nella pratica strumentale orchestrale.

· Semplici tecniche di arrangiamento e composizione jazz per organici scolastici.

La parte teorica sarà condotta in presenza dei soli corsisti. Per la parte pratica si lavorerà con i giovani studenti del Conservatorio di Potenza iscritti alle classi di strumento e con quelli provenienti dalla Scuole ad Indirizzo musicale che insistono nella Città di Potenza.Al termine della Master-class, in occasione del progetto Happening organizzato dal Conservatorio Gesualdo di Potenza, si proverà, con bambini senza alcuna esperienza musicale, il format “violinista per un giorno”, incluso nelle 40 buone pratiche nazionali dal Comitato per la musica pratica del MIUR e inserito sul portale http://musicascuola.indire.it.

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più . Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.